Entries by LAURA PETRI

LEGITTIMITÀ DI UN’OPERAZIONE DI AZZERAMENTO DEL CAPITALE PER PERDITE E SUA RICOSTITUZIONE SENZA L’INTEGRALE ANNULLAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI PREESISTENTI – 1° pubbl. 9/15 – motivato 9/15

Nelle s.r.l. le quote di partecipazione sono concettualmente distinte da quelle di conferimento, sono da queste indipendenti, e sono naturalmente prive di valore nominale esplicito. Per tali motivi vengono propriamente individuate con una percentuale o con una frazione e non subiscono modifiche nel caso di aumento gratuito di capitale (art. 2481 ter, comma 2, c.c.) […]

MUTUO- TITOLO ESECUTIVO – NATURA DELLA QUIETANZA

(Cass.civ., sezione terza, sentenza del 27 agosto 2015, n. 17194, in www.gazzettanotarile.com) «Al fine di verificare se un contratto di mutuo possa essere utilizzato quale titolo esecutivo, ai sensi del’art. 474 c.p.c., occorre verificare, attraverso l’interpretazione di esso integrata con quanto previsto nell’atto di erogazione e quietanza o di quietanza a saldo ove esistente, se […]

Adeguamento delle modalita’ di calcolo dei diritti di usufrutto a vita e delle rendite o pensioni in materia di imposta di registro e di imposta sulle successioni e donazioni. (15A09673) (GU n.302 del 30-12-2015)

Prospetto dei coefficienti per la determinazione dei diritti di usufrutto a vita e delle rendite (o pensioni) vitalizie calcolate al saggio di interesse legale del 0,20% Anno di riferimento:  2016   Età Usufruttuario Coefficiente % Usufrutto % Nuda Proprietà da 0 a 20 475,00 95,00 5,00 da 21 a 30 450,00 90,00 10,00 da 31 […]

LEGGE DI STABILITÀ 2016. Novità tributarie di interesse notarile

Si segnalano di seguito le norme di maggiore interesse in ambito tributario contenute del DDL Stabilità 2016 approvato dal Senato nel pomeriggio di ieri, 22 dicembre 2015, sulla base dell’ultimo testo pubblicato sul sito del Senato, rinviando per il commento di alcune di esse a successivi approfondimenti.     Art. 1, comma 6 clausola di […]

LA SOSPENSIONE DELLA PRESCRIZIONE DELLE AZIONI DI RESPONSABILITÀ EX ART. 2941, N. 7) OPERA ANCHE NELLE S.N.C. (Corte Costituzionale, sentenza 11 dicembre 2015, n. 262)

La Corte costituzionale, con sentenza n. 262 dell’11 dicembre 2015, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 2941, numero 7), del codice civile, nella parte in cui non prevede che la prescrizione sia sospesa tra la società in nome collettivo e i suoi amministratori, finché sono in carica, per le azioni di responsabilità contro di essi. Si […]

AZIONE DI RIVENDICAZIONE DELLA PROPRIETA’ – USUCAPIONE – POSSESSO – AZIONE DIRETTA VERSO IL PROPRIETARIO DEL BENE **

(Cass.civ., sezione seconda, sentenza del 28 agosto 2015, n. 17270, in www.cassazione.net) L’azione con cui, a qualsiasi titolo, si rivendica una proprietà (nel caso concreto a titolo di usucapione) deve essere diretta esclusivamente nei confronti di chi possiede il bene o ne è proprietario nel momento in cui viene proposta la domanda e non anche […]

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DEL 22 NOVEMBRE 2015 N. 183 COSTITUTIVO DELLA “NUOVA BANCA DELLE MARCHE S.P.A.”

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA   Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Vista  la  direttiva  2014/59/UE  del  Parlamento  europeo  e   del Consiglio,  del  15  maggio  2014,  che  istituisce  un   quadro   di risanamento e risoluzione degli enti creditizi  e  delle  imprese  di investimento; Vista la  comunicazione  della  Commissione  europea  2013/C-216/01 concernente l’applicazione dal 1° agosto […]

PRELAZIONE E USUFRUTTO – 1° pubbl. 9/04 – modif. 9/15 – motivato 9/15

È legittima l’applicazione della clausola di prelazione anche alla cessione dell’usufrutto sulle azioni. È altresì legittima la clausola statutaria che, nello stabilire il diritto di prelazione per il trasferimento della titolarità delle azioni, ne preveda l’estensione alle ipotesi di costituzione del diritto di usufrutto. Nel caso di costituzione di usufrutto, il diritto offerto agli altri […]

DIRITTO DI ABITAZIONE: OBBLIGA L’HABITATOR A NON MODIFICARE LA DESTINAZIONE DEL BENE – CASS. 27 GIUGNO 2014, N. 14687

Relativamente al diritto di abitazione, la limitazione indicata nell’art. 1022 cod. civ. per la quale l’habitator ha diritto di abitare la casa “limitatamente” ai bisogni suoi e della sua famiglia, non deve essere interpretata in senso quantitativo (ove sarebbe richiesta la difficile determinazione dei bisogni del beneficiario del diritto), bensì riguarda il divieto di utilizzare […]